Non ero nemmeno nervoso, raccontando il debutto spagnolo della speranza di sedici anni

Domenica, diversi tavoli sono stati riscritti nel concorso principale spagnolo. I 14 secondi giocati dietro Zaragoza sul campo di Fuenlabrady mescolati nella lista dei giocatori più giovani.

A 16 e 8 mesi, Krejci è diventato il secondo tra i Benjamin del suo club. Allo stesso tempo, è il più giovane ceco che sia mai arrivato in cima alla competizione europea. “Speravo che questo momento sarebbe arrivato, ma non me lo aspettavo così presto. Gioco qui per i juniores e quando mi hanno detto che potevo allenarmi con la prima squadra, pensavo di andare solo per allenarmi.Ho imparato che stavo andando a lottare, ho cominciato a sperare “, dice Vít Krejčí le ore ei minuti prima di un passo importante nella sua carriera.

I secondi premiere tra adulti hanno usato il loro molto prima occasione.

“E ‘stata la mia prima partita sulla quale ho guidato. Non mi aspettavo di ottenere sul campo. Abbiamo avuto un sacco di ragazzi feriti. Inoltre, mi sono iscritto con il mio compagno di stanza, che era interessante per diversificare “, spiega Joana Bernacera e ricorda che in diciassette data la stessa opportunità.

Lui stesso, però, quarterback allampanato sorpreso. Le sue mani con fermezza di sfruttare la paura del palcoscenico: “Pensavo che sarei stato più nervoso. A proposito di come mi vedevo l’ora di nervosismo placata. Quando il mio allenatore mi ha mostrato così mi è caduto completamente.Stavo solo correndo per ruotare e godermi l’atmosfera. “Ma il primo disco” entrato “è anche associato alle responsabilità del team. Com’è a Saragozza? “Probabilmente dovrò pagare per cena”, dice Krejci.

Per un giovane giocatore di pallacanestro, è un impulso continuare a lavorare. “È una grande motivazione. Con la prima squadra mi alleno sempre di più. Questo è il mio prossimo passo. Ora raccogliere più minuti sul campo “, egli desidera.

Proprio descrivere ciò che la sua routine di allenamento: “All’inizio ho appena andato con serata ackee, ora con lui in una settimana mi alleno tre o quattro volte al mattino e una volta o due volte una notte. Secondo le partite. Al mattino sono stato lì per anni da un solo giocatore, più da noi con i treni Šimon Puršl.Siamo in due di sera. “Il ventenne Cec Pivotman Pursl è stato una guida per il suo compatriota più giovane due anni fa nei suoi primi passi in spagnolo.

“All’inizio, quando ero sia a Saragozza che a Mamma, è stata una grande vittoria per noi. Ci ha mostrato Zaragoza e mi ha aiutato con la sua lingua. Io lo conoscevo solo dai giochi, ma ora siamo amici “, per non lasciare che il suo amico ceco.

La gioia dei primi secondi tra gli adulti Krejčí inacidito cambiamento fresca al posto di coaching a Saragozza. Solo 24 ore dopo averlo dato la prima opportunità nel campionato spagnolo, lasciò la cattedra per il capo allenatore Andrea Casadevall. Troppa sconfitta 80:93 leadership del club deluso.

Conosco già il successore.Luis Guil, che ha passato gli ultimi quattro anni in Venezuela, viene qui.

“Abbiamo imparato il giorno dopo la partita. L’allenatore dovrebbe rimanere. Lui ci conosce bene e ci ha sempre dato una possibilità. Non ho paura di questo “, il ragazzo ceco intende impressionare anche il nuovo arrivato.