Le mazze da golf morenti hanno avvertito di perdere l’atteggiamento e abbracciare i giovani giocatori

Il gioco, giocato per la prima volta nella Scozia del XV secolo, non è noto per tenere il passo con i cambiamenti nella società più ampia (il famoso Royal and Ancient Golf Club di St Andrews ha ammesso le sue prime donne l’anno scorso, Augusta, sede di il torneo Masters, aperto alle donne nel 2012), ma gli esperti dicono che deve agire ora per abbracciare i millennial.

I consulenti assunti dai vari organi di governo dicono che gli atteggiamenti molli delle mazze da golf e l’alto costo del gioco – su portafogli e tempo – hanno contribuito a una riduzione di circa 10 milioni del numero di giocatori a livello mondiale dal prima della crisi finanziaria.

Steve Mona, amministratore delegato della World Golf Foundation, ha dichiarato che i club devono adattarsi con urgenza alle richieste dei giovani per garantire che lo sport abbia un futuro, come le decisioni dei due maggiori marchi sportivi mondiali – Nike e Adidas – per tirare fuori l’attrezzatura da golf ha sollevato timori sul futuro a lungo termine dello sport.

“I titoli dei titoli di golf in crisi” sono esagerati.Abbiamo un numero sano di golfisti di base “, ha detto Mona. “Ma abbiamo bisogno di attrarre giocatori nuovi e più giovani. Ogni anno circa 500.000 lasciano il gioco a causa della morte o dell’incapacità fisica di giocare, e quindi ogni anno dobbiamo sostituirli. “

Mona ha detto che il WGF, che collabora con le associazioni nazionali di golf di tutto il mondo, ha lavorato duramente per rendere il golf più attraente per i giovani e le minoranze, ma un vero cambiamento deve venire dal club.

Ha detto che i club dovrebbero chiedersi se le loro regole debbano essere rigide come spesso sono. “Puoi uscire sul campo da golf senza la tua camicia? Puoi indossare il berretto all’indietro? Sai suonare la musica nel tuo carrello? Puoi portare i tuoi dispositivi mobili là fuori?Puoi bere birra mentre stai andando in giro?

“I millennial sono abituati a poter fare tutte quelle cose nella loro ricreazione. Dobbiamo fare lo stesso per il golf. “

Mona, 59 anni, ammette che i tradizionalisti possono formulare il pensiero di selfie e birre sul green. “Ma i club devono avere qualcosa per compiacere i giovani”, ha detto. “È un problema complicato. Qualcuno come me non penserebbe di impegnarsi nei social media durante il corso, penserei solo al prossimo colpo.Ma i giovani vogliono essere su Facebook e Instagram tra un tiro e l’altro. “

Ha avvertito i club che si rifiutano di allentare le loro regole e mettono tutte le loro chips con baby boomer:” Te lo dico tra 8 e 10 anni quando inizieranno ad invecchiare, sarai nei guai, “disse mentre i giocatori su una tavola da golf, un incrocio tra un golf cart e una tavola da surf, sfrecciavano dietro di lui.

“Che importanza ha se ti trovi nel tuo quartetto normale, e il gruppo di fronte a te ha le schede da golf e sta suonando musica?”

Se i club ascoltano Mona , può aiutare a ridurre l’età media dei golfisti e ad aumentare il numero di giocatori.L’età media dei giocatori negli Stati Uniti è di 44, passando a 48 per i golfisti di base che giocano regolarmente.

Il golf ha subito un drastico calo dopo la crisi finanziaria con il numero di giocatori negli Stati Uniti – il più grande mercato del golf del mondo – passando da 30 milioni nel 2008 a 25 milioni di oggi, secondo la società di ricerche Golf Datatech. Il settore globale delle attrezzature da golf vale ancora $ 8,6 miliardi.

Il numero di giocatori è rimasto stabile negli Stati Uniti, ma è diminuito del 2,2% in Inghilterra e dello 0,8% in Scozia lo scorso anno secondo KPMG. Il numero di giocatori in Inghilterra è diminuito di un quarto dal 2007, e in Giappone i numeri sono diminuiti del 40% dal picco degli anni ’90.Allo stesso tempo, il gioco ha registrato una crescita sostenuta in Sud America, Cina e in particolare in Vietnam – che sta attraversando un corso di golf che porta a più del doppio del numero di corsi a 96 entro cinque anni.

gli esperti sperano che l’inclusione del golf nelle Olimpiadi di Rio 2016 – per la prima volta da St. Louis 1904 – susciterà un rinnovato interesse nel gioco.Ma dire che la sfida è convertire questo interesse in partecipazione e notare che l’entusiasmo per il gioco generato da Tiger Woods tendeva a rimanere radicato sul divano.

“Tiger Woods non ha influenzato le persone a prendere golf, ha avuto più persone a guardarlo in televisione, ma non sono usciti e hanno suonato “, ha detto Tom Stine, co-fondatore di Golf Datatech. “Ha attirato l’attenzione dei bambini sul gioco perché volevano essere come Tiger, proprio come loro guardano LeBron James o Lionel Messi.” Mentre puoi giocare a basket e a calcio nel parco giochi, puoi giocare a Tiger con molto dell’immaginazione.

Sia Stine che Mona credono che il gioco degli Stati Uniti sia solo in parte attraverso una notevole riduzione del numero di corsi per riflettere il numero di giocatori regolari piuttosto che l’immaginazione degli sviluppatori immobiliari.

Mona, che ha un handicap di nove, ritiene che nei prossimi tre-cinque anni ci sarà una contrazione continua con centinaia di corsi che chiudono un anno. “All’apice del 2005 ci sono stati circa 1.600 corsi, oggi ci sono circa 15.200, e mi aspetto che diminuisca di altri 1.000.

” Ce ne sono troppi “, ha detto. “Negli anni del boom, gli imprenditori immobiliari pensavano che avrebbero creato corsi e la gente si sarebbe affollata per loro.Ma quando il mercato è finito, anche i campi da golf. “

” È stato pazzesco, “Stine, 66 anni, d’accordo. “Durante il boom immobiliare le persone stavano costruendo corsi ovunque. Non costruirono campi da golf perché la città aveva bisogno di un campo da golf, stavano costruendo case intorno a loro perché potevano ottenere più soldi per le case. C’erano corsi letteralmente dall’altra parte della strada l’uno dall’altro.

“Ma poi la bolla immobiliare è scoppiata, molte persone hanno perso il lavoro, hanno perso le loro case e il club non ne aveva ancora abbastanza.”